Cioccolatomanifesto-2011

Argentario al Cioccolato, dal 25 al 27 marzo 2011 a Porto Santo Stefano

“Argentario al Cioccolato”, un weekend educativo e degustativo all’insegna del gusto del cacao, organizzato da Slow Food Argentario per le giornate di venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 marzo 2011. Una mostra incentrata sul “cibo degli dei”, laboratori per adulti e bambini dedicati all’arte del cioccolato artigianale, degustazioni e menù a base di cacao: appuntamenti per tutta la famiglia per assaporare prodotti d’eccezione, riscoprendo la storia della fortunata pianta di origine sudamericana. L’evento si svolgerà nello splendido scenario marino di Porto S.Stefano, in provincia di Grosseto.

Apparentemente la zona dell’Argentario e il cacao non hanno niente in comune. In realtà a livello storico ritroviamo due aspetti che li accomunano: il secolo (1500) e la Spagna. Il Reale Stato dei Presidi nacque, infatti, nel 1557 per volontà del re di Spagna, Filippo II; qualche anno prima, invece, il famoso condottiero al soldo della Corona spagnola, Hernàn Cortés, portò in Europa i primi semi di cacao (1528). Sullo sfondo di tale coincidenza storica, Slow Food Argentario con il patrocinio del Comune di Monte Argentario, ha deciso di far incontrare i protagonisti di quest’idea, il cacao e l’Argentario, nella storica cornice della Fortezza Spagnola di Porto Santo Stefano. Partendo, quindi, dalla storia del cacao, un piccolo percorso culturale e gastronomico dedicato al prodotto naturale e alla sua elaborazione artigianale, grazie alla collaborazione di una pasticceria argentarina, “Gusto ad Arte”, nuova nel mercato locale quanto innovativa nella produzione.
Il programma della manifestazione prevede per venerdì 25 marzo alle ore 15,00 apertura della mostra ad entrata libera: “Museo del cioccolato” presso l’ex-ONMI, in Via del Giardino a Porto S.Stefano. La mostra ripercorrerà attraverso documenti fotografici e prodotti artigianali le fasi di produzione del cioccolato dalla coltivazione delle fave di cacao alla trasformazione finale.
Alle ore 18,00 inizierà il laboratorio per adulti, a cura di Angelo Galatolo di Gustoadarte: “L’uso in cucina del cacao e le tecniche di cristallizzazione” (costo di partecipazione: € 15,00).
Sabato 26 marzo alle ore 15.30, sempre all’ex-ONMI, sarà dato spazio alla creatività dei bambini dai 7 agli 11 anni: “Giochiamo col cacao e impariamo a manipolarlo” (costo €7,00 compresa tessera slowkids). I bambini si divertiranno imparando a confezionare piccoli tartufi profumati e ottimi da gustare. Alle ore 18.00 l’appuntamento con il cacao si sposta in Piazza del Governatore, alla Fortezza Spagnola, per le degustazioni: il cioccolato come cocktail e in abbinamento a rhum, distillati e sigari (costo di partecipazione € 10,00).
Domenica 27 marzo alle ore 18.00 all’ex-ONMI si terrà il convegno-degustazione, tenuto da esperti del settore, ad entrata libera, sempre dedicato al cacao e alla sua storia. In serata chi lo desidera, potrà partecipare alla cena preparata dal Ristorante la Fontanina, in località San Pietro (Porto S.Stefano), dalle ore 20.30, con menù degustazione a base cacao in tutte le sue varianti gastronomiche (costo: € 40,00).

“Argentario al Cioccolato” è un evento organizzato da Slow Food Argentario, con il patrocino del comune di Monte Argentario, con la collaborazione della pasticceria GustoadArte ed il ristorante La Fontanina di S. Pietro e con il contributo di Unicoop Tirreno sezione Costa d’Argento e Latte Maremma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?