Giostra Dell'orso

Giostra dell’Orso a Pistoia

Il 25 Luglio di ogni anno in Piazza del Duomo a Pistoia si svolge il torneo equestre della Giostra dell’Orso in onore del patrono della città San Jacopo. A contendersi il drappo del palio o “pallio” sono i quattro rioni pistoiesi simboleggiati rispettivamente dal Leone, dal Cervo, dal Grifone e dal Drago. Dodici cavalieri, tre per ciascun rione, corrono a coppie lungo la piazza compiendo due giri completi fino a colpire con le lance i bersagli circolari tenuti da due orsi stilizzati.

Il Palio di San Jacopo ha origini molto antiche. Nell’866 i pistoiesi, salvi per intercessione del santo da un attacco saraceno, lo elessero a protettore della città. L’Opera di San Jacopo fondata nel 1174 fu incaricata di conservare la cappella dedicata al patrono e di organizzare festeggiamenti in suo onore. Una dei passi più famosi in cui si fa menzione della festa è quello di Giovanni Boccaccio del 1348, anno in cui l’epidemia di peste nera colpì gravemente l’Europa. In caso di calamità i festeggiamenti in onore del patrono erano sospesi, ma nel 1464 l’Opera di San Jacopo decise che per nessuna causa si sarebbe dovuto sospendere il palio. In realtà nel corso del tempo il torneo è stato più volte sospeso per necessità, mutando regole e consuetudini .
stemma giostra dell'orso
L’attuale versione del palio di Pistoia risale al 1947, quando ha preso il nome di “Giostra dell’Orso”, in riferimento all’animale araldico raffigurato nello stemma della città, detto “micco”. I quattro rioni in gara sono: Porta al Borgo, Porta San Marco, Porta Carratica e Porta Lucchese. La mattina del 25 Luglio si celebra la Messa in Cattedrale in onore di San Jacopo, alla presenza del Podestà, dei Gonfalonieri, dell’Alfiere del palio, degli Operai di S.Jacopo, dei Magistrati e dei quattro Alfieri in rappresentanza dei Rioni. Dopo la celebrazione si procede al sorteggio dei cavalieri nella Sala Maggiore del Palazzo degli Anziani. Alle ore 19,30 i quattro rioni rendono omaggio al quartiere vincitore dell’anno passato. Da qui parte il grande corteo storico fino a Piazza del Duomo. Dopo la parata dei figuranti delle contrade, dei cavalli e dei cavalieri (berberi), alle 21,30 iniziano le corse della Giostra. I cavalieri si sfidano a due a due, con le lance abbassate corrono al galoppo lungo il perimetro della piazza, per due volte, fino a colpire il bersaglio tenuto dagli orsi. In base al colpo i giudici di gara danno un punteggio. Al termine della Giostra si proclama il rione vincitore al quale è consegnato il palio, mentre al cavaliere che ha conseguito il punteggio maggiore è assegnato il titolo di “Cavalier speron d’oro di Pistoia e contado”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?