Hector,-figlio-di-emigranti-in-Argentina,-torna-in-Toscana-per-cercare-parenti-4

Hector, figlio di emigranti in Argentina, torna in Toscana per cercare parenti

Alla scoperta delle radici Toscane.
L’Argentino Héctor J. Dente ci ha contattato per chiederci di aiutarlo a scoprire le proprie radici.
Il profumo della terra è forte, quello dei propri avi ancora di più.
Ed ‘è così che, prima o poi, ci da quella carica, quell’energia, che ci spinge ad esplorare, informarci, scoprire… chi erano i nostri cari. Ovviamente questa necessità diventa ancora più forte, nel momento in cui i nostri avi, sono orginari di terre lontane.
E consentiteci di dire che, se questa terra lontana, si chiama Italia, questa voglia e questo desiderio si fanno ancora più forti.
Spesse volte noi Italiani, non riconosciamo al nostro Paese, Popolo e Cultura, quello che il mondo intero ci invidia. Non siamo solo il paese del sole, del buon cibo e dell’allegria. La nostra terrà è sinonimo di storia, cultura, guerra e passione, arte, musica.
Siamo il paese del Bianco e Nero, con situazione spesse volte diametralmente opposte. Siano anche il paese dei colori complementari, dove spesse volte la sommatoria delle unicità, crea nuove combinazioni, che il solo vivere nel paese più bello del mondo, ti può far capire a pieno.
Ed è così, solo comprendendo questi valori, che si può capire fino in fondo la richiesta del nostro lettore, lontano per destinazione, ma vicino per passione e sentimento.
Héctor J. Dente ci ha contattato chiedendo di aiutarlo a fargli incontrare i discendenti della sua stessa Famiglia di origine italiana.
Il nonno materno, originario di Pavia è immigrato in Argentina a 12 anni e si chiamava RAFAEL GROSSI. La nonna materna MARIA ROSA PATRONE era di Lucca ed è arrivata quando era ancora neonata.
La ricerca è sicuramente ardua visto che i nonni di Héctor sono immigrati in Argentina separatamente, ognuno con i propri genitori, di cui purtroppo non ha i riferimenti.
Ma sangue chiama sangue, quindi siamo sicuri che, con l’aiuto di tutti voi, sapremo tutti insieme dargli una mano.

Questa è la sua storia:

Ciao Elisa,

mi chiamo Hector, sono argentino e ti scrivo per chiederti se conoscete i parenti dei miei nonni di Lucca e Pavia o se potete aiutarmi a cercarli. Mio nonno si chiamava Rafael Grossi e mia nonna Maria Rosa Patrone. Io verrò in Italia il 5 Settembre e mi farebbe davvero tanto piacere riuscire a conoscerli e sentire le loro storie, le loro abitudini, le loro tradizioni e sapere se e cosa si ricordano dei miei bisnonni.

La mia domanda è: Voi conoscete o potete rintracciare alcune persone con questi Cognomi che siano discendenti dei miei bisnonni?

Entrambi i miei nonni hanno vissuto gran parte della loro vita nella città di Florida, provincia settentrionale di Buenos Aires. So che mio nonno è morto il 2 luglio 1945 a circa 65 anni. Ha lavorato come ispettore del Vagone Presidenziale dell’azienda storica “Ferrocarril Central Argentino” quando ministri e il Presidente si spostavano da un luogo ad un altro (a quei tempi con la ferrovia). Aveva una divisa da Generale! Ha viaggiato con tutte queste autorità, per esempio, per l’inaugurazione della diga San Roque, a Carlos Paz, nella provincia di Cordoba.

Mia nonna morì il 26 luglio del 1953 a circa 68 anni. Ho sempre saputo che faceva la casalinga. Ricordo che aveva due sorelle: Caterina e Juana Patrone Patrone.

I miei nonni hanno avuto 4 figli:

  • Juan Rogelio Grossi che, in relazione alla età di mia madre, dovrebbe essere nato 1908. Era responsabile del laboratorio Fort Sancti Spiritu,
  • mia zia Beatriz, (1910),
  • mia madre Herminia Dominga Antonia (1912),
  • mio zio Rafael Francisco (1916), che è stato comandante della polizia stradale della provincia di Buenos Aires.

Purtroppo non conosco i nomi dei miei bisnonni, quelli che lasciarono l’Italia. Forse perché non mi sono mai riproposto di scoprirlo, ma devi sapere che io ho 77 anni, mia madre era nata nel 1912, la nonna Maria Rosa e nel secolo precedente, e non so quando i miei bisnonni.

Hector,-figlio-di-emigranti-in-Argentina,-torna-in-Toscana-per-cercare-parenti

So che non chiamavano per nome la mia bisnonna, ma con il soprannome “Big Mama”, e so che è morta poco prima che nascessi io (19 marzo 1939). Io sono nato in Florida, comune di Vicente López, provincia di Buenos Aires, figlio di Raul Victoriano Alvaro Dente e Herminia Antonia Dominga Grossi, entrambi operai dell’industria tessile (mio padre tecnico e mia madre magliaia).

Quando io avevo 6 anni, ci siamo trasferiti nella città di Alta Gracia, a 36 km dalla capitale Cordoba perché mio padre è stato incaricato di avviare una fabbrica tessile, chiamata “La Texto Fabril”, che esiste ancora.

Quattro anni più tardi, alla fine del 1949 si è concluso il contratto di mio padre e siamo tornati nella nostra casa in Florida, che era stata in quegli anni affittata a terzi.

Mio nonno è morto mentre vivevamo in Alta Gracia, il 2 luglio del 1945. Era un uomo così forte che si vantava di essere mai andato dal medico e di avere tutti i denti, ma quando li hanno trovato un cancro al colon, nella sala operatoria era stato anestetizzato con la maschera di etere (quello utilizzavano a quel tempo) ed ha subito un arresto cardiaco durante l’operazione.

Nel mio soggiorno in Alta Gracia ho studiato dalla prima elementare al 4° grado di scuola elementare, ho fatto ginnastica all’Athletic Club Sportivo di Alta Gracia, ho studiato un anno di pianoforte, però con il trasferimento ho abbandonato entrambe le passioni.

Dopo 9 anni sono diventato dattilografo, superando le 50 parole al minuto.

Ho fatto il liceo alla Escuela Industrial de la Nación Nº 1 “Otto Krause” nella capitale federale, e ho ottenuto il diploma di Tecnico meccanico nel 1957. Ho conseguito la laurea in ingegneria mentre lavoravo già a partire dal mese successivo al diploma. Ero impiegato nel ruolo di pianificatore in SIGMA S.A., una fabbrica di lavatrici e frigoriferi, poi come progettista disegnatore presso l’Ufficio di progetti industriali dell’ Ing. Schwartz.

Mi sono fermato un anno per il servizio militare, dove sono diventato Sottotenente.

Ho continuato la mia carriera come progettista di matrici, in RUFORGA S.A., fabbrica macchine calcolatrici, e nel 1961 mi ha assunto SIMA ACCIAIO S.A., che fabbrica maglie e barre d’acciaio per la costruzione edile. Ho iniziato come disegnatore progettista e ho finito come Direttore della fabbrica.

Mi sono sposato con una Responsabile degli acquisti della stessa società, con la quale abbiamo avuto un figlio, Christian Omar, laureato in Amministrazione di Imprese e dirigente del commercio estero dei Supermercati Carrefour e deceduto il 31 ottobre 2014 di “morte improvvisa. Mi ha lasciato due nipoti, Agustina Dente, ora quindicenne e Nicholas, di 9 anni, che mi accompagneranno nel mio viaggio in Europa di questo anno.

Nel 1970 mi ha assunto l’azienda MUÑOZ S.A., importante nel settore dell’abbigliamento maschile, nel ruolo di assistente al direttore della produzione. A quel tempo stavo per laurearmi in Ingegneria delle Costruzioni e mesi dopo sono entrato a far parte del Consiglio Professionale di Meccanica ed Elettrotecnica.

L’anno successivo sono stato promosso alla Direzione Industriale della società, e gestivo due impianti di produzione di abiti, pantaloni, giacche sportive, camicie, biancheria intima, ecc, uno nella Capitale Federale, con più di 550 lavoratori, ed uno a Rosario con circa 270 lavoratori. In quello stesso anno, il 1971, ho fatto un viaggio in Europa per conto di MUÑOZ S.A., prima per la fiera di tessuti e cuoio a Francoforte, che è durata circa 10 giorni, e poi per un tour di visite tecniche volte all’acquisto di macchine professionali di materiali tessili, in Germania, Italia, Francia, Gran Bretagna e Spagna, per più di 30 giorni.

Al mio ritorno in Argentina, mio padre è morto il 17 luglio.

Sempre per MUÑOZ S.A. sono stato Segretario della Camera Industriale Argentina per un periodo di quattro anni, fino a quando ho lasciato l’azienda.

Parallelamente ha proseguito i miei studi in una università privata, Estudio Superior de Comunicaciones Sociales, per una laurea specialistica in Organizzazione Amministrazione e Gestione di impresa. Dopodiché ho frequentato un anno post-laurea presso l’Universidad del Salvador, in Amministrazione esecutiva, e due anni presso l’Università Cattolica Argentina, in Analisi Operativa. Successivamente, nel corso degli anni, ho frequentato diversi corsi di controllo della produzione, metodi e tempistiche, progetti di investimento, ecc. L’ultimo è stato nell’anno accademico 2000/2001, un corso post-laurea per gli ingegneri, sulla salute e sicurezza negli ambienti di lavoro, quando già avevo più di 60 anni.

Hector,-figlio-di-emigranti-in-Argentina,-torna-in-Toscana-per-cercare-parenti 2

Nel 1975 ho fatto un secondo viaggio in Europa, questa volta con mia moglie. Siamo stati 35 giorni, in un tour che ha visto Madrid, Toledo, Segovia, Nizza, Monaco, Milano, Firenze, Brescia, Pisa, Napoli, Palermo, Capri, Ischia, Monaco, Vienna, Budapest, Amsterdam, Parigi, Londra.

Nel 1976 sono stato assunto da SASSOON Y CÍA come Production Manager Assistant, ma la dirigenza dette le dimissioni imminenti di prepensionamento. Mi hanno assegnato il progetto di investimento per un nuovo impianto sulla produzione di camicie per Brand famosi come Van Heusen, Pierre Cardin e Ted Lapidus, che culminò nella costruzione della zona industriale nella città di Santa Rosa, provincia di La Pampa, nell’agosto del 1980, di cui sono rimasto Direttore Generale per 19 anni, e un membro del Consiglio direttivo fino al 1991, anno in cui lasciai la posizione manageriale. Nella nuova Struttura, nel 1985, producevamo una media di 2.400 camicie al giorno.

Nel 1979 sono andato negli Stati Uniti con un tecnico per la formazione in modalità e tempistiche, nelle varie sedi della Phillips Van Heusen CORP., società che aveva commissionato la fabbricazione delle loro camicie di marca. Durante i 25 giorni abbiamo visitato New York, Philadelphia e Dothan, nello stato di Alabama, che aveva un impianto di ultima generazione.

Durante quei 19 anni di lavoro nell’azienda di abbigliamento argentina La Pampa S, A., come veniva chiamata, ero anche stato nominato segretario della Camera di Commercio e dell’Industria della Provincia La Pampa, per un periodo, poi Segretario della Camera dell’Industria per 4 anni, VP

per un periodo e infine Presidente.

Nel 2000 mi sono licenziato per diventare consulente per la Subdirección del Registro Nacional de las Personas nella Capitale Federale. Mi occupavo dell’ ispezione e controllo di un nuovo impianto per la produzione di documenti di identità, gestita da SIEMENS S.A., grazie ai miei studi sulla salute e sicurezza nei posti di lavoro.

Un anno dopo, su richiesta dell’allora ministro degli Interni della Nazione, sono diventato uno dei cinque amministratori della Società Puerto Madero, per la durata di un anno.

Successivamente sono diventato direttore generale di un’agenzia CTI, sulla telefonia cellulare per due anni. I due anni seguenti sono stato nominato

Direttore della produzione estera, gestendo la produzione di camicie IVES SAINT LAURENT e CHRISTIAN LACROIX, e qui sono rimasto fino alla mia pensione.

Sono tornato quindi alla mia città natale di Santa Rosa, nel 2005, e nel mese di agosto dello stesso anno sono stato assunto dall’Istituto di sicurezza sociale, in provincia di La Pampa, come consigliere della Presidenza, posizione che ho ancora oggi.

Nel giugno dello stesso anno ci siamo trasferiti in una zona più tranquilla a metà strada tra la città di Toay e la città di Santa Rosa, dove viviamo ancora adesso, nella via Calandria n ° 70.

Mi rendo conto che la mia storia è molto lunga, forse anche troppo, ma puoi tagliare quello che non ti piace.

Lunedi ‘ 5 settembre verremo a Roma, con scalo a Madrid; staremo presso l’Hotel Kennedy per quattro giorni, e il Venerdì 9 ci uniremo ad un gruppo per un tour al sud del paese, per visitare le città della costiera amalfitana. Visiteremo Sorrento, Napoli, Palermo, Capri, Taormina, ecc , e poi continuare a nord, con il Lago di Como , Milano, Firenze , Verona, Venezia , Assisi , Pisa e Roma di nuovo, per poi ripartire per Barcellona, il 26 mattina.

Se potessi raccontare la storia dei miei genitori, potrei addirittura scrivere un libro, perchè li amavo molto e siamo sempre stati molto legati. Purtroppo però sui miei nonni ho veramente poche informazioni.

Spero tanto che riuscirai a trovare i miei parenti, mi farebbe tanto piacere conoscerli e condividere con loro le nostre vite. Ma vi ringrazio comunque per il vostro impegno e la vostra ricerca. Ma se non dovesse porterete risultati non preoccupatevi, significa che non doveva essere.

Héctor J. Dente

This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?