Monumento Al Marinaio

Il Monumento al Marinaio. Passeggiando sul lungomare di Livorno

Il più famoso monumento di Livorno è sicuramente il Monumento ai Quattro Mori, anche se sono numerose le opere scultoree che impreziosiscono i parchi e le piazze della città portuale toscana. Il 18 novembre 2013 sul lungomare labronico è stata inaugurato il Monumento al Marinaio, realizzato riutilizzando una splendida scultura realizzata tra il 1926 ed il 1927 dall’artista Cesare Tarrini. La statua in marmo originariamente era destinata ad ornare la tomba di un marinaio all’interno del cimitero comunale dei Lupi.
Con il passare del tempo era stata rimossa e conservata nei magazzini di Palazzo Civico. Grazie ai finanziamenti dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia e con il sostegno economico del Rotary Club Mascagni, l’opera plastica è stata mirabilmente restaurata ed utilizzata per creare il nuovo monumento cittadino. Passeggiando sul meraviglioso lungomare di Livorno, dopo l’Accademia Navale, in direzione di Antignano, all’altezza dell’Ippodromo Caprilli s’incontra uno slargo con una spalletta da cui ammirare il mare. È una zona molto amata dai Livornesi che nelle belle giornate di sole si soffermano sugli “scoglietti dell’Accademia”, gli scogli che costeggiano le mura di cinta dell’accademia e ai quali è possibile accedere da una scaletta in pietra.
opera dedicata ai marinaiDavanti a quest’area baciata dal mare e dal sole s’incontra il nuovo Monumento al Marinaio, un’opera dedicata a tutti i marinai d’Italia, che intende celebrare anche la vocazione portuale della città toscana. La statua in marmo realizzata da Tarrini è stata collocata su un basamento in pietra naturale che ricorda nelle fattezze il legno di una barca. Sotto alla scultura è stato creato uno spazio circolare in marmo policromo con raffigurata la rosa dei venti. A completare il monumento è una grande ancora in bronzo.
ancora del monumentoL’opera è stata lasciata volutamente al piano dei passanti che possono ammirarla da vicino. Il sindaco di Livorno e le autorità si augurano che i cittadini possano amarla e rispettarla. Scattando le foto per Vivere la Toscana ci è capitato di vedere i bambini salutare il marinaio quando passano davanti alla statua che volge intensamente lo sguardo al Tirreno.
In occasione dell’inaugurazione davanti alla statua è stata recitata la Preghiera del marinaio, scritta da Antonio Fogazzaro nel 1901. Ne riportiamodi seguito il testo:
paesaggio
“A Te, o grande eterno Iddio,/Signore del cielo e dell’abisso,/cui obbediscono i venti e le onde, noi,/uomini di mare e di guerra,Ufficiali e Marinai d’Italia,/da questa sacra nave armata della Patria leviamo i cuori. /Salva ed esalta, nella Tua fede, o gran Dio, la nostra Nazione. /Dà giusta gloria e potenza alla nostra bandiera,/comanda che la tempesta ed i flutti servano a lei;/poni sul nemico il terrore di lei;/fa che per sempre la cingano in difesa petti di ferro,/più forti del ferro che cinge questa nave,/a lei per sempre dona vittoria. /Benedici, o Signore, le nostre case lontane, le care genti. /Benedici nella cadente notte il riposo del popolo,/benedici noi che, per esso, vegliamo in armi sul mare. /Benedici!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?