Palazzo_dei_priori_volterra A

Il Palazzo dei Priori a Volterra

Il Palazzo dei Priori a Volterra è il più antico Municipio toscano. Situato nella splendida Piazza dei Priori l’edificio comunale testimonia l’importante passato del borgo medievale e continua ad essere sede del potere civile. Progettato da Riccardo da Como, il Palazzo dei Priori fu costruito durante la prima metà del XIII secolo, ad iniziare precisamente dal 1208. Successivamente l’edificio ha subito diverse modifiche, soprattutto nel 1472 quando furono abbattuti l’arringo e la loggia, e furono chiuse le due porte di accesso sul lato destro.

Sulla facciata ancora oggi si possono ammirare gli stemmi, i bassorilievi in terracotta e gli altorilievi, che testimoniano la storia e le vicende politiche della città di Volterra. Le sculture dei leoni sui pilastri laterali simboleggiano il dominio fiorentino. Gli stemmi furono affissi per ricordare i Commissari che governarono la città. Tra le finestre del piano terra è invece incisa nel tufo la “Canna Volterrana“, la misura dell’antico Comune di Volterra. L’orologio ed i merli, che caratterizzano l’edificio medievale, in realtà sono stati aggiunti in epoche successive. La torre campanaria terminava con una struttura in legno, poi, dopo il terremoto del 1846, fu sostituita dall’attuale costruzione in pietra più solida ed imponente. Sulla parete della scalinata che conduce al primo piano si può ammirare l’affresco della “Crocifissione”, realizzato da Pier Francesco Fiorentino (sec. XV).
Sul ripiano della seconda rampa troviamo la Sala del Consiglio Comunale, in cui è custodito l’affresco de’ L’Annunciazione, con ai lati quattro figure di Santi, opera di Iacopo di Cione Orcagna, purtroppo gravemente danneggiata nel corso dei secoli e per questo trasferita su tela. La sinopia si può ammirare nell’attigua Saletta della Giunta. Sulla parete destra della Sala del Consiglio si trova la tela de’ “Le Nozze di Cana” di Donato Mascagni, detto Frate Arsenio (1579-1631). 
palazzo_dei_priori_volterra bSempre dello stesso artista è il “Giobbe” nella Saletta della Giunta, dove sono esposte anche la “Natività di Maria” di Gian Domenico Ferretti (sec. XVIII), l’opera settecentesca “Adorazione dei Magi” di Ignazio Hugford e “San Girolamo”, tela attribuita a Luca Signorelli. Agli antichi dipinti sono stati aggiunti capolavori scultorei contemporanei: il “Vitellino” di Raffaello Consortini e la “Donna Siciliana” di Mino Trafeli.
Il Palazzo dei Priori a Volterra si può visitare dal 16 marzo al 1 novembre tutti i giorni dalle 10:30 alle 17:30 e dal 2 novembre al 7 marzo tutti i giorni (escluso sabato, domenica, festivi, 25/12 e 01/01) dalle 10:00 alle 16:30. L’ingresso è a pagamento.
Durante il vostro soggiorno in questa splendida cittadina, non dimenticatevi di visitare anche il suggestivo Teatro Romano di Volterra.
This Post Has 2 Comments
  1. Io sono argentina. Sonó stata a Volterra nel mese di settembre. Impossibile dimenticare questo luogo. Tutto qui e meraviglioso. Sonó stata guardando la fábrica di alabastro. Unica nel mondo. Penso che tutti le persone che visita la Toscana, debo no conoscere Volterra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?