Statue In Villa Corliano

La Villa di Corliano: meraviglia da scoprire a due passi da Pisa

 

La Villa di Corlianos’incontra percorrendo la cosiddetta “Via delle ville Lungomonte” che collega Pisa a Lucca, lungo la Strada Statale 12 del Brennero e dell’Abetone. A circa 7 chilometri da Pisa e a soli 2 km dal centro di San Giuliano Terme, la residenza cinquecentesca circondata da un immenso parco verde fa parte delle Dimore Storiche Italiane ed appartiene alla famiglia toscana degli Agostini Venerosi della Seta, che la acquistò il 17 giugno 1536.

villa corlianoCostruita nel XV secolo, la Villa di Corliano apparteneva originariamente alla facoltosa famiglia fiorentina degli Spini, banchieri un tempo proprietari dello splendido palazzo in Via Tornabuoni a Firenze, palazzo che oggi ospita il Museo Ferragamo. La nobile famiglia pisana degli Agostini acquistò la residenza sangiulianese per 1500 fiorini.

affresco villa corliano Tra il 1592 ed il 1593 gli interni furono riccamente affrescati con scene mitologiche dal noto pittore fiorentino Andrea Boscoli (torneremo presto a parlare più dettagliatamente di queste splendide opere). Anche la facciata è decorata con graffiti manieristici cinquecenteschi, recentemente restaurati, di grande interesse storico-artistico. In particolare si possono scorgere raffigurati due animali: una tartaruga ed una lepre, simboli dello Stanzone dei Banchi, un gruppo di artisti dediti al teatro che facevano parte dell’Accademia degli Stravaganti o dei Lunatici e che nel 1670 si erano trasferiti presso la villa sangiulianese. Li aveva preceduti l’Accademia degli Svegliati, fondata a Pisa nel 1588.

Nel 1616 il fiorentino Vincenzo Pitti descriveva la Villa di Corliano come “il più bel palazzo che sia dintorno a Pisa”. A rendere ancora più meravigliosa la dimora storica fu l’intervento nella seconda metà del Settecento del famoso architetto veronese Ignazio Pellegrini che operò alcune migliorie e ridisegnò le facciate di alcuni degli edifici facenti parte del complesso della villa, come la Fattoria. Quest’ultima, insieme alle Cantine, oggi offre servizi di ristorazione anche per cerimonie ospitando fino a 500 persone. Vivere la Toscana sta collaborando con i gestori per presentarvi un’importante novità, che vi riveleremo presto (se siete curiosi continuate a leggere i nostri post ;)!).

Il Parco in cui gli edifici sono inseriti occupa una vasta area di circa 3 ettari con numerosi esemplari di piante secolari, menzionate da Targioni Tozzetti nella sua “Relazione d’alcuni viaggi fatti in diverse parti della Toscana” (1768-1777). Tra le curiosità è da ricordare il cosiddetto “albero della libertà”, un platano piantato dai francesi scesi in Toscana nel 1799. Torneremo presto a trattare della Villa di Corliano, del suo immenso giardino e di altre particolarità.

Scritto da Claudia Meini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?