Luci-della-citta-01-2010

LUCI DELLA CITTA’. Un luglio di teatro, musica, animazione nel centro storico di Empoli

“Luci di scena”, la terza edizione del festival del teatro delle due sponde.

La memoria fil rouge della manifestazione diretta da Giallo Mare Minimal Teatro.

Il Festival delle due sponde che unisce Empoli e Vinci permette di rendere ancora più visibile il progetto teatro che accompagna le varie comunità di spettatori del territorio.
Nel mese di luglio LUCI DI SCENA apre il Festival a Empoli e prosegue con Multiscena a Vinci.
Il teatro esce dal teatro e invade, anima la piazza costruendo Momenti di divertimento capaci di coinvolgere tutti coloro che in queste serate si incontreranno in centro.
LUCI DI SCENA è il festival estivo della città di Empoli.

Terza edizione del festival Luci di scena, legata a doppio filo al ricco cartellone proposto da Luci della Città.
Empoli diventa il centro di una miriade di iniziative e Luci di Scena, progetto promosso dal comune di Empoli, Regione Toscana, Circondario Empolese Valdelsa, e Fondazione Monte dei Paschi di Siena, in collaborazione con Agenzia per lo sviluppo Empolese Valdelsa e Comune di Vinci, ne è una parte fondamentale.

Gli eventi di quest’anno hanno tutti come denominatore un progetto teatrale e multimediale, produttivo, formativo e di promozione culturale: La Memoria della città e il territorio come scena fra le generazioni e le culture. Parole chiave del progetto: lavoro, generazioni, futuro.

Uno dei tratti distintivi della nostra società è dato dalla difficoltà di “fare storia” del nostro passato più recente. Alla conclamata pigrizia mnemonica espressa dalla nostra cultura, si aggiunge il bombardamento delle informazioni, che contribuisce a dilatare la percezione di un eterno presente senza passato e per questo anche senza futuro.
Per questo il teatro, nelle sue varie forme espressive, per le sue caratteristiche di compresenza dei soggetti in “comunicazione” nello stesso spazio-tempo, diviene il luogo di scambio concreto di emozioni e informazioni fra attore e spettatore, che diventa testimone dell’atto teatrale o di un processo formativo e promozionale.
Il progetto La Memoria della città e il territorio come scena fra le generazioni e le culture muove i suoi primi passi in Luci di scena, ma estenderà le sue attività fino all’estate 2011.
Coinvolti molti luoghi della città da scoprire: piazza delle Fiascaie, giardino del centro residenziale “Chiarugi”, museo del vetro e piazza Farinata degli Uberti (piazza dei Leoni).

Sono molti e di grande interesse gli eventi che animeranno la città nel mese di luglio, tutti ad ingresso gratuito: segnaliamo oltre agli spettacoli in piazza Farinata (il programma completo è in allegato) gli spettacoli nei luoghi più segreti: martedì 20 luglio alle 22 al Museo del Vetro lo spettacolo Verde Vetro nell’allestimento della compagnia Giallo Mare Minimal Teatro, giovedì 22 alle 22,30 in piazza delle Fiascaie Mario Perrotta presenta Turnata spettacolo sull’emigrazione italiana negli anni 60 e 70. Questo evento è promosso dall’Asev (Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa). Martedì 27 al Chiostro degli Agostiniani la compagnia Kulturificio 7 con lo spettacolo Fiasco e giovedì 29 sempre al Chiostro degli Agostiniani alle 22 Fontemaggiore presenta Ricordi con guerra sempre.

Ecco il Programma dettagliato:
Martedì 13 luglio
21,30 – La memoria del passato – Luoghi da scoprire
Chiostro degli Agostiniani
Giallo Mare Minimal Teatro animazione teatrale per ragazzi, un gioco dell’oca interattivo dove i ragazzi saranno
protagonisti delle fiabe
“Il grande gioco dell’oca”
Martedì 20 luglio
22,00 – La memoria del passato – Luoghi da scoprire
Museo del Vetro
Giallo Mare Minimal Teatro performance multimediale di e con Vania Pucci, la memoria del lavoro, l’industria del vetro e
la città di Empoli
“Verde Vetro”
Giovedì 22 luglio
22,00 – La Memoria dell’incontro – La Piazza
Piazza Farinata degli Uberti
Manuel giochi di equilibrismo con il fuoco
“Fuoco!”
Giovedì 22 luglio
22,30 – La memoria del passato – Luoghi da scoprire
P.zza delle Fiascaie
Mario Perrotta spettacolo teatrale sull’emigrazione ed il duro lavoro della miniera, un lungo lavoro di ricerca, quasi un anno
di testimonianze, un anno di memorie rispolverate a fatica tra i paesi montani del nord-est produttivo e l’estremo Sud. Sì! Per i
Belgi, gli Svizzeri, i Tedeschi che chiedevano braccia dopo la seconda guerra mondiale, Sud era la Puglia, la Sicilia, la Calabria e
Sud era il Veneto, il Friuli.
“Italiani Cincali”
Martedì 27 luglio
22,00 – La Memoria dell’incontro – La Piazza
Piazza Farinata degli Uberti
Ruinart Animazione teatrale con grandi oggetti gonfiabili
“Bolle d’aria”
Martedì 27 luglio
22,30 – La memoria del passato – Luoghi da scoprire
Chiostro degli Agostiniani
Kulturificio 7 spettacolo teatrale che è un rito allegro, funambolico e folle dove anime contadine tornano tra noi
“Fiasco”
Giovedì 29 luglio
22,00 – La Memoria dell’incontro – La Piazza
Piazza Farinata degli Uberti
Assemblea Teatro Parata/spettacolo sui trampoli
“In fra li casi”
Giovedì 29 luglio
22,30 – La memoria del passato – Luoghi da scoprire
Chiostro degli Agostiniani
Fontemaggiore spettacolo teatrale di e con Stefano Cipiciani, un interessante lettura della Resistenza, una sfida alla memoria
personale e a quella di un paese che non sa più se festeggiare o no il venticinque aprile.
“Ricordi con guerra”

L’ingresso agli spettacoli è gratuito.

Per informazioni:
Giallo Mare Minimal Teatro
0571 81 629-83 758,
info@giallomare.it
comune di Empoli
0571 757 729

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?