Vagli-di-martina-di-prete

Vagli, foto di MARTINA DI PRETE

Vagli, è un piccolo paese situato nel cuore della Garfagnana in provincia di Lucca. Quest’ultimo viene chiamato paese fantasma in quanto è sommerso dal Lago di Vagli, un bacino artificiale di proprietà dell’Enel. Il villaggio, fondato dai fabbri ferrai bergamaschi e bresciani che qui lavorano il ferro estratto dalla Tambura, riemerge periodicamente quando l’Enel apre la diga e le acque del lago defluiscono lasciando lentamente riaffiorare il campanile, la chiesa, le case.

La costruzione di questo grande lago artificiale del 1946 costrinse tutti gli abitanti di Fabbriche di Careggine a trasferirsi  in un nuovo paese, Vagli di Sotto, sul promontorio del lago.

L’aspetto del borgo fantasma, è molto suggestivo, frutto di un luogo che, rimasto sommerso per ben 10 anni, non può che riemergere con un’immagine irreale, deserta e abbandonata.
Interessanti le case in pietra arenaria con i loro portali, gli opifici per la lavorazione del ferro e il ponte a tre arcate lungo la Via Vandelli attraverso il Torrente Edron. Ancora più affascinate e coinvolgente è la Chiesa di S. Teodoro, a navata unica con il suo  campanile a pianta quadrata rimasto intatto e il cimitero fuori dell’abitato. La chiesa di S. Teodoro, in stile romanico, con un’abside rettangolare, era coperta con volta a botte e conserva al suo interno numerosi affrescati.

Photo Credits: Martina di Prete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?