Panzanella-Piatto-Tipico-Toscano

Panzanella. Ricetta del Piatto tipico estivo della Toscana!

Panzanella è il nome toscano di una pietanza estiva rustica, un piatto povero di derivazione contadina, molto semplice, che non necessita di cottura e che veniva consumato nei campi da chi, per lavoro, restava fuori casa tutto il giorno.
Tra i cibi poveri della mensa contadina la Panzanella era sicuramente il più povero di tutti. Quando dentro la mensa c’era soltanto ‘n tozzo de pane tosto non si saltava comunque il pasto, perché si poteva sempre fare la Panzanella. Bastava aggiungere un po’ d’acqua, sale e olio extravergine di oliva toscano dei nostri olivi e mettersi a tavola. Certo si poteva arricchire la ricetta con pomodori, sedano, cipolla e basilico (che non mancavano mai, neanche nelle case più povere, visto che l’economia autarchica contadina si basava sul possesso di un pezzetto d’orto con annesso gallinaro), ma gli ingredienti base restavano quelli: e in pochi minuti si poteva disporre di un piatto sano, semplice e nutriente.ricetta-della-panzanella-2010

L’origine del nome panzanella è incerto; si crede che derivi dall’usanza dei contadini di bagnare il pane secco (duro) e raffermo (per non buttarlo) e di unirlo alle verdure reperibili nel proprio orto, mischiando il tutto in un’insalatiera. Quindi “pane” e “zanella” (che significa piatto fondo, zuppiera).
La panzanella era la colazione dell’estate, fatta con il pane avanzato.
Era la colazione degli adulti, nonna da piccina poteva anche prendere il latte – perché in paese c’era chi aveva delle mucche e di quando in quando dava il latte un po’ a tutti – ma gli uomini che andavano a lavorare si alzavano all’alba, la preparavano, la mettevano in un cesto e la portavano nel campo. Poi, all’ora giusta, la tiravano fuori e la mangiavano, accompagnata dal vino rosso fatto di casa.
Oggi, per chi è meno ardito, può essere un rinfrescante primo da mangiare in questi giorni d’estate.

La panzanella è una ricetta molto semplice da realizzare della cucina contadina toscana. Bastano un po’ di pane raffermo e degli ortaggi di stagione per avere un primo piatto fresco e gustoso.
Ingredienti per 4 persone: 4 fette di pane casalingo toscano (meglio se raffermo)
2 pomodori
1 cipolla rossa
1 cetriolo
2 coste di sedano
Basilico
Olio extravergine di oliva toscano
Sale
Pepe
Mettete le fette di pane raffermo in una ciotola con dell’acqua e fatele ammorbidire (facendo il pane zuppo come si dice in toscana) per 20 minuti circa, dopodiché strizzatele bene e sbriciolatele in una insalatiera. Fate a fettine sottili la cipolla, il sedano ed il cetriolo ed i pomodori in pezzi non troppo grandi. Unite le verdure al pane e mescolate bene con le mani per fare insaporire. Aggiungete olio toscano sale e basilico e mescolate ancora.
In alcune parti della toscana viene aggiunto anche il tonno, ve lo consiglio perché si accompagna molto bene con la Panzanella!
La panzanella deve essere tenuta in frigorifero almeno per un’ora prima che possa essere gustata al pieno della sua freschezza.
E poi, anche per la sua conservazione, lo si prepara in grandi quantità, in maniera tale da non accendere, nei giorni di gran caldo, neanche il minimo fuocherello in casa…
Un ultimo suggerimento: se avete intenzione di preparare la panzanella e di consumarla in più volte, sarebbe meglio condirla a parte, e soprattutto unire i pomodori, che rischierebbero di diventare troppo acidi, solo un’ora prima del successivo pasto.

This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?