siena-basilica-di-san-clemente-in-santa-maria-dei-servi-di-italiait

Contatti:

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Pinterest

Seguici:

siena-basilica-di-san-clemente-in-santa-maria-dei-servi-di-italiait

Basilica di San Clemente in Santa Maria dei Servi d’Italia

La Toscana, terra d’immensa cultura, caratterizzata da smisurate opere d’arte che aprono nuovi orizzonti alle anime che sappiano apprezzare la storia e il patrimonio artistico della nostra signora sfolgorante e regale: l’Italia. Tra la moltitudine di chiese e basiliche che fanno luce sul panorama culturale e artistico italiano è necessario fornire informazioni sulla Basilica di San Clemente in Santa Maria dei Servi d’Italia: il sacro edificio in questione è situato a Siena, in Piazza Manzoni.

Esso sorge sulla chiesa di San Clemente ed è stato eretto per volere dei Serviti, i quali necessitavano di un luogo sul quale erigere il proprio convento.
La chiesa venne consacrata nel 1553 e i lavori che la ultimarono, vennero portati avanti per lunghissimo tempo.
Lo stile architettonico è quello tipico del Quattrocento fiorentino, con elementi barocchi.

L’importanza della struttura è frutto anche dei dipinti al suo interno tra i quali ricordiamo La Strage degli innocenti di Matteo Giovanni e la Madonna del Bordone di Coppo di Marcovaldo, catturato dai senesi nel 1260, il quale si dedicò all’opera per far sì che la propria libertà venisse assicurata.
La chiesa è caratterizzata da una pianta a croce egizia con un corpo longitudinale a tre navate e cinque campate,un transetto
sporgente dotato di cappelle terminali e cinque cappelle ricavate dalla parete di fondo della chiesa. Tra queste, la cappella centrale maggiore è più alta, larga e profonda.

Il campanile fu costruito nei secoli XIV-XV in stile romanico. Fu rinnovato successivamente e radicalmente nel 1926, quando vi si aggiunsero anche le cuspidi centrali e angolari in cima al campanile, donandogli sembianze che lo rendessero simile al Duomo di Siena.

Visitare questo divino edificio è fondamentale per assaporare il clima storico-culturale che contribuì a rendere la regione Toscana esempio di lustro e grandezza.

Una risposta

Lascia un commento