Interno Chiesa Cavalieri

Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri: gli interni… In giro per Pisa

L’interno della Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a Pisa presenta ricche decorazioni celebrative tese a ricordare le gesta e le battaglie combattute dai cavalieri dell’Ordine contro i pirati. L’Ordine dei Cavalieri, infatti, fu fondato dal Granduca Cosimo I dei Medici per contrastare gli atti di pirateria dei turchi nel Mar Mediterraneo. Le isole dell’Arcipelago Toscano e le coste della nostra regione erano costantemente preda delle incursioni dei mori. Oltre a preziosi dipinti di maestri toscani, adornano l’ampia navata unica della chiesa numerosi trofei di guerra, bandiere e splendidi frammenti di una nave.

Il soffitto barocco in legno dorato, nel quale sono state incastonate sei splendide tavole dipinte con episodi della storia dell’Ordine dei Cavalieri, è opera dell’intagliatore Bartolomeo Atticciati (1604), al quale ne fu commissionata l’esecuzione dal granduca Ferdinando II. Fu in onore del suo ingresso a Pisa il 31 marzo 1588 che furono realizzati i 5 dipinti a monocromo, raffiguranti “Le Storie di Santo Stefano papa e martire”, oggi disposti in controfacciata e lungo le pareti. Su queste sono appesi i numerosi trofei di guerra sottratti alle imbarcazioni turche: bandiere e antichi fanali di navi, posti tra le grandi finestre della Chiesa di Santo Stefano.
particolare chiesa cavalieri
I frammenti scultorei in legno policromo, raffiguranti schiavi in catene, insieme a figure zoomorfe ed armi, risalgono ad epoca barocca e facevano parte di un’imbarcazione da parata. Impreziosiscono l’edificio religioso numerose opere di pregio, come quelle realizzate da Giovanni Battista Foggini nei primi del Settecento: le statue di Santo Stefano papa tra le figure allegoriche della Religione e della Fede, l’altare maggiore in bronzo dorato e marmi policromi, il trono in bronzo con la scena della Decapitazione di Santo Stefano. Sotto ad esso sono conservate le reliquie del santo, giunte a Pisa nel 1682 da Trani.
rilievo chiesa cavalieri
All’interno dell’ala sinistra è da ammirare la “Natività di Cristo” (1564), preziosa opera di Agnolo Allori detto il Bronzino; mentre nell’ala destra è conservato il dipinto della “Lapidazione di Santo Stefano” (1571) eseguito da Giorgio Vasari, colui che progetto la Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri.

Di seguito potrete trovare informazioni anche sulla meravigliosa piazza dei Cavalieri, su cui si affaccia la chiesa di Santo Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?