Palazzo Ducale Massa

Palazzo Ducale a Massa Carrara, un gioiello architettonico da visitare

Il Palazzo Ducale, antica residenza dei Malaspina, domina con il suo aspetto maestoso ed imponente la splendida Piazza Aranci di Massa Carrara. La reggia fu edificata su desiderio del principe Alberico I Cybo-Malaspina, intenzionato a trasferire la residenza della corte dall’antico Castello Malaspina al borgo di Bagnara, dove possedeva già un’abitazione ma non altrettanto fastosa. Dopo la ricostruzione delle mura di Massa Cybea, nel 1567 iniziò l’opera di edificazione del grande Palazzo Ducale, oggi uno dei più bei monumenti di Massa.

Il successore di Alberico, Carlo I, decise di dotare la reggia di uno spazio di ricevimento degno dei fasti della famiglia della moglie, Veronica Cybo, e delle residenze genovesi in cui aveva trascorso la giovinezza. La costruzione del cosiddetto Salone degli Svizzeri (recentemente restaurato) determinò il raddoppiamento della facciata, lo spostamento della porta d’ingresso e per aggiustare le proporzioni dell’insieme la costruzione di un meraviglioso terrazzo ornato con fregi e statue marmoree. Tutto il Palazzo è impreziosito da mirabili opere in marmo, prezioso materiale ricavato dalle vicine cave e che ha reso la provincia di Massa Carrara famosa nel Mondo.
PALAZZO DUCALE A MASSA CARRARA
Alberico II continuò le opere di ampliamento della reggia ducale, facendo edificare una terza ala, parallela alla facciata, e facendo chiudere il cortile con la splendida loggia, dalla quale a quell’epoca era possibile scorgere il mare. Il cortile cinquecentesco, con ben 100 colonne in marmo, fu realizzato su progetto dell’architetto Giovanni Francesco Bergamini nel 1670. Successivamente Teresa Pamphilj, moglie del duca Carlo II, incaricò Alessandro Bergamini di abbellire la facciata del Palazzo Ducale per renderlo ancor più principesco. Il rosso cybeo ai alterna al colore bianco del marmo di Carrara e degli stucchi creando dei piacevoli contrasti visivi, nascondendole differenti asimmetrie dovute ai differenti interventi sull’edificio nel corso del tempo. Anche gli interni della reggia sono degni di nota, con affreschi, richhe decorazioni, statue e gruppi marmorei, come il caratteristico Grottesco. Nella quadreria erano raccolte opere di Raffaello, Leonardo, Tiziano e di numerosi altri grandi maestri italiani, purtroppo andate perdute a causa della dissipazione del duca Alderano ed ai trafugamenti delle armate rivoluzionarie francesi.

Per avere l’occasione di visitare gli interni del Palazzo Ducale, oggi sede legale degli uffici della Provincia di Massa-Carrara, vi suggeriamo di partecipare all’evento “Frast’uomo cromatico: memorie ancestrali” che sarà presente nel Salone degli Specchi da venerdì 28 ottobre 2011 a mercoledì 16 novembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?