Scopri Il Detto Toscano Se Mi Nonna Avea Le Rote Era Un Carretto

Detti Toscani: Se la mì nonna avea le rote, era un carretto

Questo è uno dei famosi detti che ritroviamo in tutta la Toscana, con inflessioni diverse di dialetto in base alla zona, ma il significato è lo stesso.

L’origine di questo detto si perde nel tempo e nel volgare della lingua toscana.

Nel suo significato, questo proverbio intende mettere in guardia contro la tentazione di pensare cosa sarebbe successo, se non fosse successo quello che, di fatto, e’ successo… “Se mia nonna avesse avuto le ruote…”.

Nel gergo accademico, queste speculazioni si chiamano “controfattuali” ed hanno un valore rafforzativo. L ‘indicativo (sbagliato dal punto di vista della grammatica italiana) rafforza il concetto di non usare i se e quindi impiegare un periodo ipotetico, ma obbligano a pensare in indicativo e quindi un tempo certo; il congiuntivo e il condizionale impostano già il periodo ipotetico che qui si vuole consigliare di evitare.

Identifica quelle persone che davanti a qualsiasi cosa fanno un’infinità di ipotesi, magari allo scopo di non fare qualcosa. Tipo: se io andassi in quel posto, rischierei d’incontrare quella persona ma se non ci andassi rischierei di ricevere una telefonata ma se poi invece uscissi ma andassi in un posto diverso.

Ecco, quando uno comincia a dire “se questo”, “se quello”, gli si può dire che se mio nonno avesse avuto tre palle sarebbe stato un carretto. E’ un modo per dire a uno di smetterla con tutti i sui “se”.

In altre parti della Toscana si dice: “Se la mi nonna avesse le ruote, sarebbe ‘na carriola”.

In altre zone di Italia invece si esprime lo stesso concetto dicendo: “se mia nonna aveva i finestrini era un aeroplano”.

C’è anche la versione milanese: “se mi nonno g’aveva la pertegheta, l’era un tramvai” e quella veronese «Se me nono gavéa le rue, l’ iera un cariolon» («Se mio nonno aveva le ruote…»).

Ti è piaciuto questo articolo? Allora scopri di più anche sul detto: “Meglio un morto in casa che un pisano all’uscio”, e molti altri modi di dire toscani!

This Post Has 2 Comments
  1. Buongiorno,

    per onor di precisione,
    se volete scrivere esattamente in Vernacolo allora si dovrebbe scrivere Caretto (con una r sola).

    Cordiali saluti

    1. Ciao Stefano,

      sicuramente hai ragione te…. ma come ben saprai il bello della Toscana sta proprio nell’estrema particolarità e diversità di ogni suo borgo e di ogni suo paese, anche dal punto di vista dialettale. Noi siamo originari del comune di Scansano (da almeno 4 generazioni), e dalle nostre parti si dice proprio carretto, con la doppia “r”. 🙂

      Grazie mille per la tua precisazione…. e continuo a dire…. quanto è bella la Toscana! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?