mulino-delle-pile-siena

Contatti:

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Pinterest

Seguici:

mulino-delle-pile-siena

Mulino delle Pile, Chiusdino

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Quanti di voi ricordano la famosa pubblicità del Mulino Bianco? Sicuramente, almeno una volta nella vita, avrete sognato di trascorrere qualche giorno in questo posto magico che tanto ha incantato grandi e piccini. Ebbene, il famoso Mulino Bianco, in realtà si chiama Mulino delle Pile e si trova nella provincia di Siena, ovvero a Chiusdino.

Chiusdino è un paese di circa 2.000 abitanti, situato sulla zona delle Colline Metallifere, la cui origine risale alla presenza dei longobardi in Toscana fra il 568 e il 569. Non a caso, il nome Chiusdino ha origini longobarde così come la Chiesa di San Michele Arcangelo.

Sono tanti i luoghi di interesse, religiosi e non, presenti a Chiusdino, ma quello per cui viene maggiormente ricordato il paese è la presenza del Mulino delle Pile, meglio conosciuto come il Mulino Bianco.

Scoprite qui alcuni dei prodotti tipici toscani che potete degustare in questa zona:[/vc_column_text][vc_row_inner css=”.vc_custom_1479308237432{margin-top: 20px !important;margin-bottom: 20px !important;padding-top: 30px !important;padding-right: 30px !important;padding-left: 30px !important;background-image: url(http://www.viverelatoscana.it/wp-content/uploads/2016/10/fondo.jpg?id=17437) !important;}”][vc_column_inner][products columns=”4″ orderby=”title” order=”” ids=””][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vc_row_inner][vc_column_inner][vc_column_text]Il Mulino Bianco, più volte visto negli spot pubblicitari, quindi esiste davvero ed è perfettamente funzionante. La sua costruzione risale al 1200, ad opera dei Monaci dell’abbazia di Serena, che lo usavano per macinare il grano e per la sodatura delle stoffe che poi venivano rivendute al mercato.

Ma quando il Mulino delle Pile, diventa il Mulino bianco che noi tutti conosciamo? L’idea fu di Armando Testa uno dei principali fondatori di agenzie pubblicitarie italiane. In verità sin dal 1977, la Barilla aveva iniziato ad utilizzare il Marchio Mulino Bianco per i suoi prodotti, ma solo nel 1989 iniziò una vera e propria ricerca di un luogo che non fosse solo immaginato, ma realmente esistente.

Dopo una serie di ricerche nel territorio toscano, la scelta cadde proprio sul Mulino delle Pile, allora malridotto anche se già molto affascinante. Fu così che dopo una attenta ricostruzione, il Mulino delle Pile di Chiusdino, fu trasformato nel Mulino Bianco della Barilla.

Cosa ne è stato poi di quel mulino? Da qualche anno è stato trasformato in un agriturismo, interamente in pietra e non bianco come siamo abituati a vederlo. All’interno oltre alle camere, vi è anche una piscina.

Spesso questo luogo incantato e molto affascinante, viene usato anche per organizzare dei laboratori didattici a favore dei bambini.

Se siete in vacanza in Toscana non perdetevi una visita al Mulino Bianco!

Non perdetevi una gita fuori porta all’imperdibile Abbazia di San Galgano, un monastero circestense a pochi chilometri da Siena, nel comune di Chiusdino.[/vc_column_text][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]

Una risposta

Lascia un commento