Detti-toscani-sto-coi-frati-e-zappo-lorto

Detti Toscani: “Sto coi frati e zappo l’orto”

Quando un toscano controbatte così, vuol dire che di quell’argomento è meglio non parlare.

Quasi profeticamente dichiara che in ogni caso porterà rispetto alle regole anche di malavoglia. Come dire: il mio pensiero non vale ed è meglio pensare al proprio impegno.

Per capire una tale logica dobbiamo riallacciarci alla filosofia del pensiero toscano: tra i tanti nostri difetti c’è quello di non essere d’accordo per ogni cosa accada. Da noi la polemica di qualsiasi tipo, nasce alberello per diventare in poco tempo quercia secolare. Non ci va mai bene niente e così il frastuono del dissenso si fa polifonico, di grande orchestra. Con questo brontolio di opposizione nella nostra regione si è sempre dovuto fare i conti. Appena capita un’occasione, nasce una polemica, una critica, si potrebbe dire “alla toscana”.

Ora si chiama dialettica, ma in passato? Nelle passate epoche storiche spesso manifestare un pensiero poteva essere molto pericoloso. Era sufficiente fare un’osservazione che si era passibili di pene spesso crudeli, anche capitali.
Di solito era meglio far silenzio. Ma per i toscani briosi, era faticoso stare zitti. Non si poteva protestare? Allora ecco pronto un motto, una battuta: non esce pensiero, solo accettazione nel fare il proprio dovere (proprio come i frati che devono aver riguardo per le regole). C’è dichiarazione di subordinazione (a zappare si china il capo), ma non consenso.

Forse il motto si rifà alla vita monacale dei certosini (a cui è imposta la regola del silenzio): i padri devono apprendere le sacre scritture, e i frati conversi devono occuparsi delle culture delle Certose che danno cibo alla comunità monastica.

Inoltre non bisogna dimenticare anche la Firenze savonaroliana in cui il partito dei “piagnoni” istituì un governo che impose una pulizia morale mal sostenuta da tanti fiorentini. I frati domenicani di San Marco stabilivano la legge, e la tranquillità era custodita con lo “stare co’ frati” e farsi gli affari propri.

Scopri di più sulle curiosità della lingua toscana e sulle origini e significato della parola bischero.

This Post Has 4 Comments
  1. ho apprezzato molto i vostri scritti sulla toscana. io lo sono di nascita e me ne vanto, anche se risiedo in campania. vorrei potere inviare agliamici locali e non una stampa x fare conoscere la nostra tera nei molteplici aspetti. che nedite? grazie mille e saluti landi maria grazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Lascia un messaggio

Spiacenti, nessun operatore è online in questo momento. Lascia un messaggio.

* Nome
* Email
Telefono
* Oggetto
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso

Serve aiuto? Chatta con il nostro Team, saremo a completa disposizione per rispondere ad ogni tua esigenza.

* Nome
* Email
Telefono
* Come possiamo esserti utile?
Online Adesso
Feedback

Aiutaci a migliorare il servizio! Sentiti libero di lasciare qualsiasi ulteriore informazione.

Come valuti il nostro sostegno?